13
gen
Il settore turistico sta risentendo in maniera marginale della crisi di cui tutti sentiamo parlare e, in particolare, il mercato delle vacanze di Natale e Capodanno ha retto bene ed induce all’ottimismo per il 2009.
Si sta però registrando un cambio delle tipologie di richiesta; la parola d’ordine sembra diventata “mete affascinanti, ma non troppo lontane e possibilmente economiche”.
Il cliente “tipo” valuta il rapporto qualità/prezzo come fattore di scelta preponderante (le trattative di vendita sono diventate più lunghe e spesso si risolvono dopo numerosi preventivi), è molto più preparato (grazie alla mole di informazioni disponibili, soprattutto grazie ad internet) ed è bisognoso di un prodotto dedicato alle sue personali esigenze (quello che gli inglesi chiamano Customization).
Facendo un piccolo sondaggio tra le nostre adv affiliate, abbiamo riscontrato che l’Europa è risultata anche quest’anno una delle mete più gettonate del periodo natalizio (magari anche solo con una fuga low cost di pochi giorni), grazie alla calda atmosfera che rallegra piazze e locali ed al divertimento che offrono le sue principali città; sul podio possiamo senz’altro mettere Barcellona (forse la destinazione europea più economica), Amsterdam e (a sorpresa) Praga.
Tutti coloro che desideravano il caldo hanno trovato come sempre nel Mar Rosso un ottimo rapporto qualità/prezzo: Sharm el-Sheikh e Marsa Alam sono ormai dei “classici”.
Di conseguenza, le destinazioni lungo raggio sono state quest’anno un po’ penalizzate; i clienti di Pinguino Viaggi Network hanno comunque scelto per le loro vacanze natalizie mete ormai consolidate come Maldive, Santo Domingo, Mauritius, Kenya e Zanzibar.
E’ rimasto pressoché immutato rispetto all’anno scorso il numero di chi, insensibile alla tentazione del mare d’inverno, subisce invece irresistibilmente il fascino della montagna; sono state, infatti, numerose le segnalazioni di vendita pacchetti Neve.
 
 
 
Possiamo infine evidenziare che è risultata in crescita la richiesta di soggiorni Benessere; per disintossicarsi dallo stress dell’annata lavorativa, parecchi clienti hanno scelto di trascorrere qualche giorno delle festività natalizie in una stazione termale, all’insegna del relax e della cura del corpo.
 
This entry was posted on martedì, gennaio 13th, 2009 at 13:48 and is filed under Franchising. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or TrackBack URI from your own site.

Leave a reply

Name (*)
Mail (*)
URI
Comment